Recensione “Chi troppo vuole. Mazzacani trova la sua vendetta.”

Buongiorno lettori, oggi sono tornata con una nuova uscita della CE Fandangolibri e devo super consigliarvi la lettura che vi esporrò nella recensione.

In commercio dal 6 agosto 2020.

Lo vuoi acquistare? Clicca qui.

(Consigliata soprattutto chi è del Salento).

Chi troppo vuole. Mazzacani trova la sua vendetta - Leonardo Palmisano - copertina

Copertina: ho scelto questo libro dall’elenco a me a disposizione proprio perché la copertina è qualcosa di diverso e a un colore molto acceso.
Titolo: Chi troppo vuole. Mazzacani trova la sua vendetta.
Autore: Leonardo Palmisano
Data di rilascio: 2020
Genere
: Narrativa gialla
Trama: In una baraccopoli di immigrati vicino a Foggia viene scoperta una fossa comune con cinque corpi sepolti parecchi anni prima, una testa in decomposizione (quella di un mafioso della Sacra Corona Unita, Gianni Palano) e il cadavere ancora caldo di Paula, una prostituta rumena, a cui il killer ha intagliato una stella sulla fronte accanto al foro di entrata del proiettile, quasi volesse lasciare una firma.

Nelle ore successive, a Bari viene ucciso il candidato alla carica di governatore regionale Marcellino Danza, foggiano, erede di un impero politico insieme a sua sorella, la baronessa Danza.

Teresa Buonamica, capo della Direzione Regionale Antimafia di Puglia, apre un’indagine nel tentativo di svelare il complicato rebus che lega tutti quei morti.

Quando Mazzacani viene tirato in causa, non dirà tutto quello che sa, ovvero di aver riconosciuto nell’intaglio a stella la mano di chi ha messo fine alla Banda dei Santi, la formazione di banditi non affiliati alla Sacra Corona Unita di cui era a capo.

Comincerà così, con il secondo Luigi Mascione sempre al fianco, la sua personale caccia all’uomo in cerca di vendetta. Come un cerchio del passato che si chiude, il terzo caso del bandito Mazzacani racconta gli intrighi politici, gli interessi economici e le strategie criminali che brillano nel sole del Tavoliere.

Valutazione: Secondo il mio giudizio, la lettura di questo libro è molto scorrevole, non è impregnato di troppi dettagli ma solamente di quelli giusti che aiutano la narrazione e la comprensione delle vicende. Inoltre anche se non vi è una grande descrizione dei personaggi, nonostante siano innumerevoli, la spiegazione di chi sono e cosa fanno viene comunque predisposta alla fine del romanzo. Mi sono innamorata anche della lettura di alcune conversazione in dialetto salentino in quanto io vivo nel Salento, ma avrei avuto il piacere anche di leggere una nota a fine pagina della traduzione delle frasi scritte in dialetto perché noto che molte persone purtroppo anche con le parole più semplici del mio dialetto non riescono a comprenderne il significato. Questo desiderio delle note è più che altro concentrato, oltre a far comprendere tutta la frase, anche per dare una maggiore informazione al lettore e non lasciarlo in balia del dubbio di comprensione della frase.
Pensieri personali del libro: Libro che per me vale la pena leggerlo, soprattutto per chi vive in Puglia o meglio ancora per chi vive nelle aree vicino al Locorotondo, Foggia, Carovigno. Io per esempio sono di Carovigno e per me leggere personaggi che vivono e crescono in questi posti molto vicino a me dà una sensazione di brividi sulla pelle anche perché mi ha fatto vedere e conoscere, questo romanzo, prospettive che in realtà mi erano ignare. Il libro mostra una realtà di mafia che in realtà non sono verità molto distanti da ciò che viviamo quotidianamente, ma come ho anche detto su Instagram pubblicando una Stories riguardante al romanzo, un conto è conoscere e svegliarsi la mattina sapendo che per esempio “hanno bruciato la auto di tizio X”, un altro conto invece è leggere quella realtà che per me ormai è quasi normale all’interno di un libro. Non riconoscere che esistono queste vicende e queste situazioni è da sciocchi perché la Puglia non è solo la bellezza dei suoi paesaggi, dei suoi cibi e come dicono tutti del sole, del mare e del vento purtroppo ci sono anche queste situazioni di mafia e potere.
Sistema di valutazione: ★★★★★ | mi è piaciuto ogni momento.

È stato un super piacere poter recensire questo meraviglioso libro, inoltre è stata una grande sorpresa riuscire a trovare in un libro qualcuno che nominasse il mio paese che purtroppo in realtà non compare sulle cartine di Google Maps quasi.