No love zone

Finalmente si sta dando più spazio anche ai Manhwa, ma in particolar modo ai boy’s love. Oggi voglio parlarvi una delle ultime uscite della Panini Comics conclusa di 4 volumi e tutta a colori. Parlo proprio di ‘No love Zone’, una storia piena d’amore e di dolcezza.

copertina

Trama:

L’impiegato Lee Eun-gyeom ha un carattere socievole per quanto sia sfortunato nelle relazioni amorose. Un giorno al lavoro incontra il nuovo superiore Han Jihyuk, un giovane capace di fargli provare forti sensazioni… prima di rendergli la sua vita un inferno.

Cosa ne penso?

È una di quelle serie che ho letto tantissime volte e non posso fare a meno di suggerirlo perché sta cercando una storia d’amore che si volga piano piano, che riesce a trasmettere un sentimento puro e trasparente e non necessità di quell’elemento di tossicità di cui si stanno caratterizzando la maggior parte dei racconti boy’s love.

L’amore a prima vista è un tale cliclé

No Love Zone

No love zone probabilmente non rientra esattamente tra le mie top five dei manhwa preferiti, ma sicuramente rientra in una categoria di titoli che voglio necessariamente nella mia libreria. E’ composta da 2 stagioni e 64 capitoli (c’è in aggiunta una side story). La nostra edizione è composta da 4 volumi conclusiva.

L’edizione che ha realizzato la Panini per questo titolo è davvero fantastica, già dalla cover posso vedere che il titolo a un certo rilievo e a una tipologia di riflesso davvero magnifico per non parlare anche poi al suo interno in cui le pagine sono ben strutturate e tutte a colori.

Diciamoci la verità tra me e te, chi non ha mai sognato una relazione d’amore in ufficio tra scartoffie e conferenze?

Il nostro Eungyeom mentre aspetta il treno, ha un colpo di fulmine con un tipo che rispecchia proprio il suo tipo ideale, ma viene fermato da una signora con degli ideali particolari sulla vita e ha quasi rischiato di arrivare tardi a lavoro. Un ragazzo di 29 anni che non ha molta fortuna in amore, il suo ultimo fidanzato è un buono a nulla e gli chiede sempre dei soldi. Sul posto di lavoro però incontra il famoso ragazzo del treno che realtà si scopre essere il suo caporeparto, Han Jihyeok ha solo 29 anni ed è alto e affascinante, e farà sgobbare il nostro Eungyeom.

Quando leggo le storie di questo genere mi viene in mente che magari il concetto di legame di destino possa essere vero, infatti i nostri personaggi in realtà hanno qualcosa in comune e non è la prima volta che si incontrano.

Questo manhwa è esilarante, pieno di momenti di suspence e dolcezza e i suoi personaggi sono ben caratterizzati con i loro pregi e difetti. Presenta scene piccanti e la costruzione del loro rapporto avviene in maniera lenta, dettagliata e funzionale. Non è una relazione che nasce a caso, non è una relazione che si evolve senza una base solida, ma si crea in maniera così dolce e spontaneo che lettore si ritrova a tifare tantissimo per loro due.

Eungyeom è un ragazzo che si lascia trascinare dalla passione e trova sempre delle persone che non riescono ad apprezzarlo per quello che è. Dopo che i suoi genitori l’hanno lasciato, lui si è rimboccato le maniche ed è riuscito a trovare un lavoro abbastanza stabile ma la sua realtà e la sua quotidianità verrà completamente messa in subbuglio da Jihyeok.

I disegni sono semplici, emotivi ed entusiasmanti. Anche la colorazione dell’ambiente circostante, dei particolare, dei personaggi, riesci a trasmettere una esperienza completamente nuova per il lettore facendo apprezzare ancora di più questa tipologia di storie.

Sono davvero contenta che finalmente si possa dare spazio anche questa storia e sinceramente spero che possono essere portate anche altri acconti che valgono davvero la pena di essere eletti.ogni volta che leggo No love zone, mi sento come una bambina a Natale e sono davvero felicissima di poterlo sfogliare e ammirare ogni giorno della mia libreria.