La ragazza con l’occhio di vetro e altre storie di amore dark

Buongiorno a tutti lettori! Oggi vi parlerò di La ragazza con l’occhio di vetro e altre storie di amore dark in collaborazione con la CE Cut-Up Publishing. Un romanzo concentrato su diverse storie dark realizzato da di Stefano Fantelli (Autore), Moreno Burattini (Prefazione).

Potete acquistarlo tramite il mio link

Trama: “Molti miti femminili hanno, non per caso, una tripartizione: tre le Moire, le Parche, le Nornem germaniche, le Brigit in Irlanda, le Roznicy slave. Tre anche le Marie sotto la croce (e tre, di nuovo, le sorelle vampire di Stoker). Stefano Fantelli, da brujo qual è, rinnova le sue e le nostre paure ancestrali, con un’abilità di scrittura in grado di farci temere, e al tempo stesso desiderare, l’incontro con le sue incarnazioni delle antiche divinità femminili…”

Cosa ne penso?

Personalmente non ho apprezzato la carta con cui è stato stampato. Le pagine sono trasparenti e spesso si ha la sovrapposizione fra il testo anteriore e quello posteriore creando una sorta di “riflesso” delle parole. Voglio sottolineare come, nonostante il titolo e la trama siano così curiosi, alla fine della lettura non mi è rimasto molto. Purtroppo nonostante i diversi racconti riportati, nessuno è riuscito a darmi una buona impressione anche perché, durante i dialoghi, ho notato una sorta di “monotonia” fra le conversazioni presenti nelle diverse storie dark. Questo carattere mi ha dato la sensazione che in realtà non ci fosse un personaggi diverso dall’altro ma che fossero tutti la stessa persona.

Ero già consapevole della presenza di alcune situazioni particolari raccontate nei testi, ma ho ben capito anche grazie a questo titolo che purtroppo non so apprezzare romanzi che contengono effusioni sessuali aggressive, particolari e tendenti a ciò che io definirei “strano”.

Mi è rimasta impressa, in senso positivo, la prefazione realizzata da Moreno, inoltre è molto interessante come abbiano aggiungo anche delle immagini chiave per descrivere le storie narrate ed è molto particolare il linguaggio utilizzato da Stefano.

E’ possibile trovare nel romanzo 17 storie di amori impossibili in una chiave horror da lasciare i brividi. Il sentimento che incontreremo sempre durante questo viaggio è “l’amore” sotto mille sfumature con la presenza di figure femminili mistiche, malvagie, particolari.