Recensione “Piranesi”

Buongiorno cari lettori, oggi vi porto in un mondo pieno di mitologia, statue, stanze e labirinti. Conosceremo un romanzo che narra di Piranesi e dell’Altro in cerca della Conoscenza. Una immersione nel profondo.

In collaborazione con la Fazi Editore potrete acquistare “Piranesi” su Amazon cliccando qui o dal loro sito internet cliccando qui.

piranesi

Copertina: Tutti la amano.
Titolo: Piranesi
Autore: Susanna Clarke
Data di rilascio: 2021
Genere: Narrativa
Trama: Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo.
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancora troppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso.

Susanna Clarke, autrice fantasy fra le più acclamate, torna in maniera trionfale con un nuovo, inebriante romanzo ambientato in un mondo da sogno intriso di bellezza e poesia.

Valutazione: Appena ho iniziato a leggere questo romanzo ero emozionata perché tutti lo aspettavano e in tanti ne hanno parlato bene. Mi ero fatta una idea davvero bizzarra sulla storia, una sorta di racconto mitologico mischiato con la profonda penna della Clarke, ma alla fine non mi ha molto entusiasmata. Ritengo che ci sono due modalità di lettura per affrontare Piranesi: la strada più semplice è quella di godersi il viaggio in superficie, ovvero di basarsi solo su quello che viene raccontato tra le stanze, le statue e i misteri; l’altra strada invece è quella più profonda, il grande viaggio profondo. Con ‘viaggio profondo‘ intendo la capacità di materializzarsi nel racconto e vivere la storia come se fosse propria e comprenderne le varie sfumature delicate, un po’ come si fa con la poesia.

“Piranesi. È così che mi chiama. Il che è strano, perché, per quanto io possa ricordare, non è il mio nome”. 

Pensieri personali del libro: Un libro complesso, dinamico. È un labirinto da tutti i punti di vista ed è a tratti caotico. Dall’inizio fino a poco prima dell’ultima parte (il finale) dove si svela la verità e la porta di uscita da quelle stanze, non mi sono sentita molto attirata dal romanzo ma la scrittura di Clarke ti trattiene pagina dopo pagina fino all’ultima parola.

Piranesi è circondato da Statue e da Stanze. Annota ogni giorno la marea e le sue alghe nei suoi diari, utilizzando un sistema di archiviazione che con il tempo è cambiato. 

Piranesi ci mostra la Casa dove abita, dove vive e dove si ciba e dove mostra meraviglia e dedizione verso le Statue. Un Mondo in cui esiste lui e l’Altro. Ogni mercoledì e venerdì si incontrano ad un orario determinato e discutono, bisogna essere puntuali e solo per quei due giorni Piranesi indossa l’orologio. L’Altro è in cerca della Conoscenza.

Tutto diventa straziante quando una presunta persona, secondo l’Altro, sta cercando Piranesi per fargli del male. 

In generale non ho apprezzato molto questo fantasy, forse perché per un bel pezzo di racconto è caotico e poco ordinato. È un insieme di memorie, racconti, strascini di diari. Il finale rialza la “soglia” del libro. Non mi ha convinto, mi aspettavo qualcosa di più avvincente, profondo, misterioso. Qualcosa che mi potesse lasciare stupida e perplessa, malinconica e grintosa. Non ho trovato nulla di tutto questo, mi ero fatta un’altra idea. 
Sistema di valutazione: ★★★,5 ☆☆ 

Ringrazio ancora la CE per la disponibilità.

Recensione “Pollyanna”

buongiorno lettori, oggi vi farò immergere in una lettura d’infanzia “Pollyanna”. La edizione che ho letta è quella che mi è stata offerta dalla Caravaggio Editore. Nonostante la storia non mi abbia appassionato come mi aspettavo, la edizione della CE merita molto sia per la cura nella copertina ma anche per la stampa, nonché per le illustrazioni che rendono il racconto ancor più meraviglioso.

Potete acquistarlo o dal sito della Caravaggio editore cliccando qui o su Amazon cliccando qui

Pollyanna. Ediz. integrale - Eleanor Porter - copertina

Copertina: bellissima.
Titolo: Pollyanna
Autore: Eleanor Hodgman Porter

Tradotto: Enrico De Luca e Andrea Massone

Illustrazioni a cura di: Massimiliano Modica
Genere: Narrativa
Trama: Il libro della felicità

“Pollyanna” (1913) racconta la storia di Pollyanna Whittier, una ragazzina orfana di madre che cerca di condurre una vita gioiosa, sebbene in povertà. Tutto cambia il giorno in cui perde anche l’adorato padre; rimasta sola, Pollyanna viene mandata a vivere con la ricca zia Polly Harrington. Tra nuove scoperte e difficoltà quotidiane, la ragazzina insegnerà a tutti il “gioco della felicità”, che le aveva insegnato suo padre, che consiste nel trovare sempre qualcosa di cui essere contenti a prescindere dalle circostanze. Una storia toccante, capace, con la sua dolcezza, di strappare un sorriso a grandi e piccini.

La presente edizione, pubblicata in occasione del centenario dalla morte dell’autrice, offre un testo integrale, annotato e corredato da otto tavole che si rifanno alle illustrazioni della prima edizione.

«Come vedi, cara, sei stata tu a farlo. L’intero paese sta giocando al gioco, e l’intero paese è perfettamente felice… e tutto grazie a una ragazzina che ha insegnato alla gente un nuovo gioco, e come giocarci.»


Valutazione: Pollyanna parla di una ragazzina che ha perso il padre e si ritrova a essere orfana e sostenuta dalle signore della beneficenza finché un giorno non viene presa in casa da sua zia, la sorella della mamma, di nome zia Polly.

La bambina si chiama Pollyanna e gioca sempre al gioco della felicità che le ha insegnato il padre. All’inizio la zia polly era molto scontrosa nei confronti della nipote ma man mano che il tempo passava riusciva ad apprezzarne il suo essere una fanciulla poco ordinaria. 

Pollyanna inizia a portare a casa gatti, cani e anche un ragazzino di nome Jimmy affinché la zia lo potesse prendere in cura come ha fatto con lei, ma ben presto capisce che questa cosa non è possibile.

I giorni passano e incontra un Uomo misterioso, cupo e arrogante che non parla con nessuno, tranne con lei. Scopre l’amore che riservava questo Uomo e ne comprende le sfumature.

Pollyanna rimane invalida a causa di un incidente, ma i suoi giorni del gioco felice non cessano di esistere e riesce ad influenzare chiunque la circondi… dal giardiniere Tom, alla signora Snow, al Dottor Clinton, la domestica Nancy fino al signor Plendeton. 


Pensieri personali del libro: È un romanzo che può piacere come non può piacere, personalmente non mi ha fatto impazzire tanto da dire “Wao è imperdibile!” Certamente il pro di questa edizione sono le illustrazioni e la bella stampa anche dei segni per enunciare il numero di pagine. C’è un grande lavoro dietro questa edizione e deve essere apprezzato, perché è davvero meraviglioso ma a livello di trama non mi sono esaltata. Probabilmente perché sono rimasta un po’ irritata mentre leggevo le conversazioni di Pollyanna, una bambina che riesce a comprendere la bellezza e la gioia nelle cose anche se vive nella povertà e nel dolore – come nel caso della perdita del padre e della madre -, ma è super parlantina e elettrizzante quando parla… non riesco a starle dietro.

Forse l’ho letto nel momento sbagliato o forse ho compreso che non rientra molto nelle mie corde di lettura, ma nonostante questo l’ho iniziato e terminato e ho saputo apprezzarne i pro e i contro.

È una storia dolce, gentile e infantile (nel senso buono del termine). Lo consiglio per chi vuole rivivere delle belle letture dell’infanzia.


Sistema di valutazione:
★★★★ ☆

Ringrazio ancora per la bellissima copia la casa editrice Caravaggio Editore.

Recensione “La rosa di Julia”

Buongiorno cari lettori, oggi torno con un romanzo un po’ diverso dal solito. Un romanzo delicato e passionale, pieno di significati ed è molto breve.

“La rosa di Julia” è un romanzo originale in lingua francese, ma tradotto anche in italiano.

Potete acquistarlo in lingua originale cliccando qui o in italiano cliccando qui

Copertina: Una bellissima illustrazione fatta da Héliora che raffigura la protagonista e la sua rosa.
Titolo: La rosa di Julia
Autore: Frédéric Doillon
Data di rilascio: 2020
Genere
: Narrativa
Trama: “D’un tratto le venne un’idea. A tutta velocità tornò dalla rosa e con un colpo secco la sradicò dalla terra, la nascose sotto il maglioncino e corse di nuovo verso la macchina”. 

Julia vive in campagna con i vecchietti de La casa della felicità. Non va a scuola e impara a leggere grazie alle piante del giardino. Un giorno trova una piccola rosa tutta raggrinzita, la salva e la pianta inizia a crescere. Ma bisogna partire per Parigi! Lo sradicamento dalla sua terra sarà complesso e richiederà un adattamento fuori dal comune. Con tanta poesia, un tocco di magia e un pizzico di fantasia, Julia vi condurrà in un viaggio indimenticabile. 

Valutazione: Il romanzo si apre con la nascita di Julia e l’enunciazione della sua delicatezza verso il mondo e verso la natura. Fa i suoi primi passi nella casa dei nonni nominata «Casa della felicità», un luogo in cui si diffonde pace, gioia e armonia. Julia, una bambina dolce e fresca, ama il suo giardino e prendersi cura delle sue piante. La dolcezza della bambina viene raccontata con sensibilità dall’autore, tanto da far tremare la pelle. In questo bellissimo giardino manca solo un bel cespuglio di rose.

«No» esclamò Julia rialzandosi «questa rosa mi ha chiamato quando le sono passata vicino. Mi ha chiamato perché io la salvassi. E io la salverò.»

Julia e sua madre decidono dunque di recarsi al mercato per comprare qualche rosa, ma Julia dall’animo puro, si lascia affascinare dalla rosa più brutta e da lì nasce un dolce legame tra le e il cespuglio di rose.

Pensieri personali del libro: Questo romanzo dalla copertina illustrata, ci permette di addentrarci in un mondo fatto di poesia e di delicatezza, ci permette di riflettere sull’importanza dell’essenza e non lasciarci trasportare e abbindolare dalla superficialità. Bisogna saper cogliere la bellezza in tutte le cose, anche in quelle meno belle, proprio come fa Julia.

Frédéric è in grado di trasmettere pura poesia con le sue parole, riesce a trasmettere al lettore delle immagini ben definite e chiare del contesto che è riuscito a realizzare.

E’ un mix di romanticismo per la natura, di gioia per la vita, di amore per il mondo. Questo romanzo è come immergersi nuovamente nell’infanzia, nella purezza di un bambino.

La separazione di Julia dal suo cespuglio di rose è dolorosa, Julia dovrà partire per Parigi. Ma che cosa succederà?
Sistema di valutazione: ★★★★ ☆|

Ringrazio l’autore per essersi affidato alla mia valutazione e per avermi dato la possibilità di leggere questo romanzo breve molto delicato.

Una storia che si inserisce nel solco di Paulo Coelho, de Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry, delle Donne che corrono coi lupi di Clarissa Pinkola Estès e de Il favoloso mondo di Amélie.

Recensione “Se avessi avuto gli occhi neri”

Buongiorno cari lettori, oggi torno nuovamente con una recensione per il nuovo romanzo di Gianfranco Sorge intitolato “Se avessi avuto gli occhi neri” pubblicato con la casa editrice goWare.

Ho già recensito in passato un altro romanzo dello stesso scrittore e potrete leggerla cliccando qui.

Se siete interessati all’acquisto del libro potete farlo tramite Amazon cliccando qui.

Biografia di Gianfranco Sorge

Gianfranco Sorge è nato a Catania, dove tuttora risiede, il 25/10/1959. Conseguita la Maturità Classica, si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Catania, si è specializzato in Psichiatria e successivamente in Psicoterapia presso l’Istituto Italiano di
Psicoanalisi di Gruppo (I.I.P.G.).
Dipendente dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania in qualità di Dirigente Psichiatra, dal 2006/2007 insegna Psicopatologia presso la scuola di specializzazione del’Istituto Italiano di Psicoanalisi di Gruppo (sede di Catania). Ha pubblicato settantacinque di lavori scientifici.
La passione per la narrativa è nata al termine del percorso di formazione psicoanalitica concretizzandosi con la pubblicazione di numerosi racconti e romanzi alcuni dei quali hanno ricevuto importanti menzioni in premi letterari nazionali, le ultime delle quali sono state: la vittoria al XXXVIII edizione del Premio Leonforte nella sezione micro narrativa con il racconto intitolato Amaro: l’indifferenza; il terzo posto nella sezione Narrativa/Saggio alla seconda edizione del
Premio Letterario “Etnabook – Cultura sotto il Vulcano” con il romanzo intitolato: Perturbanti congiungimenti.
I suoi elaborati si pongono come un tentativo di trasferire nell’area del rappresentabile aspetti profondi del Sé.

Copertina: Particolare ed evocativa.
Titolo: Se avessi avuto gli occhi neri
Autore: Gianfranco Sorge
Data di rilascio: 2020
Genere: Narrativa
Trama: Può il colore degli occhi incidere sulla vita di una persona, condizionandola?A seguito di un tentato suicidio, Stella finisce ricoverata in psichiatria e da lì prende le mosse il racconto della sua sofferta esistenza. Costretta a subire il matrimonio con Sebastiano, un uomo potente che non ama, tenterà di ottenere il proprio riscatto attraverso i figli. Santa, la primogenita, riuscirà a crearsi una vita indipendente. Carmelo avrà invece un’esistenza tormentata fin dalla nascita, quando il padre lo rifiuta perché non ha gli occhi neri come i veri “masculi siciliani”. Se avessi avuto gli occhi neri è anche un affresco della Sicilia dai primi del Novecento a oggi, che esplora la condizione delle donne siciliane, l’evolversi della famiglia, i mutamenti della società. Un viaggio alla ricerca di identità negate, della propria verità e del difficile percorso per accettarsi ed essere accettati. Una saga familiare dall’imprevedibile finale.


Valutazione: I romanzi di Gianfranco li ho sempre trovati evocativi ed esaustivi, come nel titolo “Perturbanti congiungimenti”, anche qui si riesce a percepire l’animo e l’amore per la scrittura dell’autore. La lettura è fluida, il romanzo è ben articolato con personaggi e luoghi ben descritti.

Il lettore riesce ad immergersi in una storia in cui il soggetto principale è l’Italia, una Italia diversa da quella attuale. Una Italia che vive per la tradizione, per i costumi popolari, per i dialetti, per la mentalità paesana.

Viene ben narrata la figura della donna siciliana e della sua condizione dagli inizi del Novecento ai nostri giorni. E’ possibile incontrare personaggi diversi fra loro: Stella, Carmelo, Sebastiano e Aurelia.

Il racconto affronta temi particolari come il concetto e ricerca della identità, la condizione della donna, la sessualità, la morte come sacrificio e purificazione, il disagio mentale, le problematiche della vecchiaia, il rapporto genitori-figli.

C’è un viaggio fra il passato e il presente dei personaggi e l’evidenzia differenziazione tra le ragazzine dei paesi di montagna e delle grandi città. Una differenza che influenza la stessa quotidianità delle donne, la loro crescita e dimensione terrena. Le prime dovevano sottostare al volere di padri e mariti, vige dunque il concetto di sottomissione e dominio e della figura del pater familias come era riconoscibile all’epoca romana, e dovevano rinunciare ai loro sogni per diventare mogli e madri, e svolgere dunque la figura della donna del medioevo dedita solo alla famiglia e alla cura dei bambini; alle seconde era permesso studiare ed essere indipendenti.

Con gli studi dettati dall’autore è possibile incontrare durante la lettura anche argomenti di psicologia e psichiatria che affrontano i temi come il suicidio, l’accettazione del corpo, il disturbo della identità vivibili in situazioni quotidiane e non sotto il punto di vista di un dottore e/o studioso.

Pensieri personali del libro: La forza del romanzo è la sua dimensione particolare e la vastità dei temi che affronta. Non è semplice riuscire a fronteggiare temi così presenti e vivi nel nostro presente e nella nostra società, senza mai cadere nel banale o nella superficialità. Gianfranco Sorge riesce a parlare con una dialettica, quasi amica, di temi difficili da affrontare.

Se avessi avuto gli occhi neri” è un ritratto di una famiglia siciliana e contemporaneamente il ritratto di una società vecchio stampo del ‘900.

Il romanzo si suddivide in due parti: la prima dedicata al personaggio di Stella e al suo tentato suicidio e alla sua condizione di vittima dell’uomo che aveva sposato; nella seconda parte si concentra sulle difficoltà che dovranno essere affrontate da Carmelo e dalla sua volontà di stravolgere la propria identità fino a porre un cambiamento radiale.

E’ un romanzo forte. E’ un romanzo che cattura l’attenzione del lettore e la travolge. E’ un romanzo che ti prende il fiato e lo fa a pezzettini come mille fogli di carta. E’ importante parlare di queste tematiche, è importante diffonderle ed è importante che la gente legga – senza spaventarsi e/o impressionarsi – di realtà fin troppo attuali.


Sistema di valutazione: ★★★★ ☆

Ringrazio ancora una volta l’autore che si è affidato alla mia valutazione e mi ha permesso di conoscere questo secondo titolo.

Lo consiglio con tutto il cuore.

Recensione “La consistenza della Verza”

Buongiorno lettori! Vi parlo di un piccolo romanzo in collaborazione con la casa editrice bookabook.

Il titolo è “La consistenza della verza” di Bernardino Mattioli.

Potete acquistarlo cliccando qui.

«Siamo in mano a umori, istinti, scelte e rinunce. Siamo un suono soave e altre volte distorto. L’orecchio di chi ci ascolta lo decide, noi possiamo solo insistere nel crederci o arrenderci se abbiamo sonno.»

Copertina: semplice che riesce a trasmettere con chiarezza la libertà dai pregiudizi
Titolo: La consistenza della verza
Autore: Bernardino Mattioli
Data di rilascio: 2020
Genere: Narrativa
Trama: Quando Girolamo investe l’ex compagna Elena e i suoi due bambini avuti con un altro uomo, la sua vita cambia per sempre. Da quel momento il suo passato, composto da eccessi e superficialità, viene sostituito da un presente pieno di dolore, menzogna e tanta incertezza. Un dubbio agita la sua mente: quella dell’amore della sua vita è stata una morte accidentale o un’uccisione premeditata? Nemmeno lui conosce la verità.
Giorno dopo giorno la sua mente si fa più instabile: ogni ricordo diviene labile, inafferrabile. A trentasette anni e con un ergastolo da scontare, Girolamo cerca ossessivamente il senso dell’esistenza, nel disperato tentativo di capire come rimettere sui giusti binari la sua vita.
Ma il senso dell’esistenza non è unico e immutabile. A volte il senso dell’esistenza bisogna costruirselo da soli.


Valutazione: La scrittura di Bernardino è scorrevole, semplice e molto ironica. Viene narrato il racconto con grande “nonchalance” e con un tono confidenziale. Riesce a mettere a nudo il personaggio, facendolo affrontare con la realtà e con i ricordi. Far porre tante domande tante quante risposte. Durante la lettura si riesce a percepire alcuni disagi di Girolamo che vengono condivisi dallo stesso lettore. È come una lettura che si riflette, senza cattiveria, verso di noi.

Il tema centrale che viene percorso è sopratutto il nucleo della nostra civiltà, i pregiudizi, la inconsapevolezza delle azioni e la ipocrisia.


Pensieri personali del libro: È un breve romanzo di novanta pagine che parla della vita di Girolamo da dietro le sbarre del carcere. Perché è in carcere? Perché ha investito la sua ex compagna Elena e i suoi due figli avuti con un altro uomo.

Girolamo si pone tante domande e poche risposte, ha un figlio adottivo di colore che si chiama Severino che lo accusa di averlo adottato solo perché così facendo Girolamo possa redimersi.


Sistema di valutazione: ★★★★ ☆ | mi è piaciuto molto.

Grazie mille alla Casa Editrice Bookabook per questo dono.

Recensione Ritorno a Villa blu

Buon pomeriggio cari lettori, oggi vi porto una recensione di una collana particolare dei Robin&Sons e ringrazio Cristina dell’ufficio stampa dell’autore per avermi contattata e spedito la copia cartacea.

Copertina: Mi è piaciuta particolarmente per la forma a goccia e per la congruenza con la parola chiave del libro: la Villa Blu e il richiamo della luna soprastante.
Titolo: Il Ritorno a Villa Blu
Autore: Gianni Verdoliva
Data di rilascio : 2020
Genere
: Narrativa, suspance
Trama: È giugno e come ogni anno tre fratelli, Alessio, Francesco e Tommaso, ritornano a Villa Blu, la dimora di famiglia dove hanno trascorso tante altre estati. Questa volta, però, saranno soli: non ci sarà più il nonno né i genitori e i tre protagonisti si troveranno a gestire la villa di famiglia avuta in eredità dal nonno Ascanio e a fronteggiare misteri, maledizioni ed eventi irrisolti che coinvolgono Villa Blu e il bosco limitrofo. Nel paese sulle sponde del lago, figure inquietanti e altre benevole si intrecceranno alle vicende dei tre fratelli, vittime di un maleficio che vedrà il suo culmine il giorno del solstizio.
Valutazione: Perché ho dato 3,5 stelle?

La scrittura, anche se promuove una lettura veloce e ricca di descrizioni, ha delle imperfezioni. Durante il racconto c’è una ripetibilità di frasi, descrizioni, già accennate poco prima rendendo la lettura fastidiosa e conducendo il lettore a saltare alcune frasi/passaggi.

E’ una lettura lieve, piacevole che ti accompagna nella dolcezza che pervade i tre fratelli e nella malvagità dell’egoismo e del rancore del passato.
Pensieri personali del libro: Il racconto parla della vita dei tre fratelli: Alessio, Tommaso e Francesco che vanno a vivere nella Villa Blu del caro nonno venuto a mancare. Ci sono flashback tra presente e passato, racconti che aiuteranno a mettere insieme i pezzi del puzzle e capirne la sostanza e l’andamento fino a riuscire a percepire la verità sul giorno 21 giugno: il giorno del nuovo Solstizio.

Oltre i tre fratelli, avranno un ruolo importante anche altri personaggi come Mattia ( il fidanzato di Tommaso ), Katherine (la reverenda), Amabile e Nerina.

Vengono trasmesse emozioni del piccolo Alessio, il più piccolo dei fratelli, con un animo pieno di coraggio. Il bene e il male, l’amore e la paura sono le vie che si percuotono con questo romanzo.
Sistema di valutazione: ★★★,5 ☆☆ | una lettura ok.